Sei in: Home » Città » Aosta » Monumenti » Castello di Aymavilles
Città

Castello di Aymavilles

Castello di Aymavilles - i monumenti più belli della Valle D

Il castello di Aymavilles si trova in Valle d’Aosta nell’omonimo comune ed è la più importante e famosa attrazione della zona, anche per la sua particolare struttura.
Le origini del castello risalgono al XII secolo e nel corso del tempo è stato rimaneggiato diverse volte, ampliato e abbellito in base ai diversi proprietari.

La prima struttura del castello di Aymavilles, che primeggiava in una zona pianeggiante, era costituita da una torre quadrangolare circondata da una cinta muraria. Lo scopo di questa struttura era principalmente difensiva. Nel 1357 Aimone di Challant, feudatario del territorio di Aymavilles, rinforzò la struttura del maniero costruendo quattro torri angolari.

Queste torri sono l’elemento più caratteristico del castello: sono realizzate in blocchi di tufo e di travertino, hanno pianta circolare e pareti molto spesse, presentano inoltre diametro, altezza e tipo di merlatura diverse. Inoltre, nell’edificio centrale le finestre vennero incorniciate in pietra e dotate di sedili, sempre in pietra, e furono costruite caditoie, feritoie, oltre ad una cinta muraria doppia dotata di fossato e ponte levatoio.

All’inizio del XVIII secolo per volontà del barone Joseph Fèlix di Challant il castello di Aymavilles fu trasformato in una residenza signorile in stile rococò: logge, gallerie, passaggi che collegavano le torri angolari, scale e porticati abbellirono la struttura dell’edificio. Anche gli otto ettari di terreno intorno al castello vennero trasformati in un elegante giardino, e in parte furono demolite anche le fortificazioni esterne. Il castello comprendeva anche una cappella per i riti religiosi privati, scuderie e magazzini usati dalla servitù.

Nel 1970, dopo diversi passaggi di proprietà, il castello di Aymavilles fu acquistato dall’amministrazione regionale della valdostana che negli ultimi anni si è fatta carico di lavori di ristrutturazione e recupero dell’edificio dopo un periodo di decadenza e abbandono. Il castello non è comunque visitabile dall’interno, fatta eccezione durante l’organizzazione di manifestazioni, concerti ed eventi.

Approfondimento