Sei in: Home » Città » Milano » Chiese-luoghi di culto » Santa Maria del Carmine
Città

Santa Maria del Carmine

Santa Maria del Carmine - le più belle chiese di Milano

La chiesa di Santa Maria del Carmine si trova nel cuore di Milano, nell’omonima piazza.
La chiesa è stata più volte ricostruita e rimaneggiata, e sorge dove fin dal 1250 esisteva un edificio di culto affidato ai Carmelitani.

Elementi del barocco, del gotico, tracce dell’antico assetto medievale rendono la chiesa di Santa Maria del Carmine un suggestivo luogo di culto. Nata come “chiesa aristocratica” nelle vicinanze di palazzi nobiliari e del prestigioso castello sforzesco, la chiesa di santa Maria del Carmine ricevette donazioni, opere d’arte e culto dalla famiglie nobili milanesi che l’arricchirono anche di tombe e di cappelle gentilizie.

L'interno della chiesa è a croce latina, diviso su tre navate ripartite da pilastri cilindrici con archi e alte volte a crociera ogivali con rilevate cordonature in cotto. Ogni navata termina con un abside proporzionato alla larghezza della stessa navata e le due esterne presentano cappelle votive realizzate e ristrutturate in epoche diverse.

Nella chiesa si conservano molte opere di notevole valore artistico: le tele del Fiamminghino, dipinti settecenteschi sull’altare maggiore appartenenti a Federico Bianchi e Filippo Abbiati, le tele del Cazzaniga nella Cappella dei Carmelitani.
Dell’antico convento dei frati Carmelitani rimane solo il caratteristico chiostro oggi ad uso della parrocchia e dei parrocchiani, ma in parte danneggiato dalle varie costruzioni limitrofe.

La facciata è alta e imponente ed è opera dell’architetto Maciachini che, intorno al 1880, decise di dare alla chiesa un aspetto particolare e unico: la facciata venne così rivestita di terracotta. La facciata vanta anche un rosone in cotto e cinque edicole sempre in cotto sulle cuspidi.
Le quindici statuette che ornano la balconata della chiesa, come le quattro più grandi poste in alto lungo i due lati estremi, sono gli originali modelli in gesso, opportunamente trattati, di altrettante statue ottocentesche poste sul Duomo di Milano, a testimonianza del legame tra le due chiese.

Approfondimento