Sei in: Home » Città » Aosta » Monumenti » Castello di Fenis
Città

Castello di Fenis

Castello di Fenis - i monumenti più belli della Valle D'Aost

Il castello di Fénis è uno dei monumenti più famosi e visitati dell’Italia settentrionale e uno dei simboli della Valle D’Aosta.

Il castello si trova sulle valli pianeggianti a sud-ovest del monte Saint Julien e racconta la storia medievale e feudale di questa zona per via del grande numero di proprietari e signori che lo hanno abitato e modificato nel corso della sua lunga storia.
Sull’origine e le prime fasi di sviluppo del castello di Fénis non si hanno notizie certe, ma stando alla sua pozione non sembra essere stato costruito per motivi strategici e di difesa del territorio.

Le prime tracce documentate del castello di Fénis risalgono intorno all’anno 1200 e Aimone di Challant sembra essere il costruttore dell’edificio.
Il periodo che va dal 1320 al 1420 circa corrisponde al susseguirsi delle due lunghissime signorie di Aimone e di suo figlio Bonifacio I ed è un periodo fondamentale per lo sviluppo del castello che assume un assetto quasi definitivo.

La peculiarità del castello di Fénis è la pianta vagamente pentagonale. Attualmente si possono ammirare tre torri a sud-ovest, sud-est e nord-est che intervallavano la cinta muraria e una torre cilindrica a nord-ovest aggiunta in un secondo momento.

Intorno al castello si sviluppava un cortile trapezoidale con un anticortile costituito da una semplice tettoia lignea dove si trovava anche le scale per accedere alla torre attigua.
Bonifacio I di Challant, figlio di Aimone, nel 1387 trasformò il castello: raddoppiò l'area occupata dal maniero, costituendo un articolato sistema residenziale, produttivo e di rappresentanza. Accanto alla dimora del signore, il giardino fu aggiustato e abbellito per gli svaghi e le passeggiate del signore e degli ospiti, mentre l'orto e la vigna aveva una precisa funzione agricola produttiva.

I successori di Bonifacio si occuparono con cura del castello di Fénis e per l’edificio inizia una fase di abbandono nel XVIII secolo quando perse anche la sua funzione di abitazione residenziale.
Alla fine del 1800 il castello viene venduto allo stato italiano e iniziò una fase di recupero e restauro che si protrasse per decenni e lo ha reso un monumento suggestivo e molto apprezzato dai visitatori.

Approfondimento